Istruzioni per l'uso

ISTRUZIONI PER L'USO


Benvenuto in Sancta Santorum.
Qui ognuno ha il diritto ad esprimere le proprie opinioni. Per firmarti ci sono 2 modi. O crei un Google Account diventando un nostro follower (molto apprezzabile!), oppure inserisci il tuo nome con URL/Nome. Sei pregato di non mettere Anonymous, perchè ci teniamo che i commenti siano firmati. E ricordati di sostenerci condividendo i nostri post su Facebook e votando nei sondaggi. Grazie...Enjoy it!



Jacopo Orfeo Carboni (Redattore): Cronaca e Politica Italiana; Alessandro F. (Vice-Redattore): Cronaca e Politica Estera; Valentina Salonia: Cronaca Rosa e Spettacolo; Andrea Visco: Calcio e Sport vari; Adriano Feliziani: Tecnologie e Videogames; Stefano Gazzella: Nerd e Otaku; Valerio Travisi: The Man of the Week.

Se volete proporre nuovi settori o volete far parte della redazione contatteci a: evrayl@hotmail.it
Gruppo su Facebook: Clicca Qui
Blog su Splinder: Clicca Qui

venerdì 29 aprile 2011

Scala Reale: A loro i Windsor a noi i Savoia...

God save our gracious and future Queen,
Long live our noble Queen,
God save the Queen!
Send her victorious,
Happy and glorious,
Long to reign over us;
God save the Queen! 

Ed ecco quella navata, da quanto ti aspettava? Quanti sono gli occhi che ti scrutano e le bocche che ti sorridono? Eppure tu riesci a sentire solo i suoi, sai che ti troverebbero ovunque. Non importa il tuo nome o dove vi siete conosciuti. Non importa cosa diranno i giornali o quanti scandali nasceranno per poi morire. Il vostro futuro è così lontano da queste persone. Non importa quanto sia grande l'abbazia dove state per sposarvi, siete già altrove. Chissà quanti cercheranno in te l'immagine di sua madre... Questa ti spaventa e lusinga al tempo stesso. Sai che lui vorrebbe che lei fosse qui, oggi e per sempre, per piangere di felicità. Sai che vorrebbe che potesse abbracciare i vostri figli, i suoi nipoti. Tranquillizzi il tuo dolce principe. Lei vivrà anche nel vostro amore perchè senza quello che provò lei per lui adesso non saresti sua moglie, una principessa. Vivrete felici e contenti? I don't know. The book of love is long and boring. No one can lift the damn thing. It's full of charts and facts and figures and instructions for dancin...but i love it when you read to me. (Trad: Il libro dell'amore è lungo e noioso. Nessuno riesce a sollevare quella dannata cosa. E' pieno di grafici e fatti e figure e istruzioni per danzare...eppure me ne innamoro quando me lo leggi.)


Ogni tanto è bello credere nella favole... 

 A Kate e William


Non è la mia solita introduzione e neanche il mio stile. Eppure scommetto che non vi dispiace un pò di romanticismo ogni tanto no? Gli occhi del mondo erano rivolti ad un singolo evento questa mattina. Un simile peso sulle spalle di due ragazzi che se non fosse per il destino potremmo incontrare per strada. Per questo ho scelto di commemorare questo loro giorno che ha permesso a noi tutti di ricordare l'importanza dell'amore. Nessuno è esente da quest'ultimo ed anche il potere più grande gli cede il passo. Non c'è corona che tenga o scettro che lo contrasti. L'amore può cambiare noi stessi e ciò che ci circonda. Bene, mi sono lasciato abbastanza andare. Di questo argomento si occuperà poi Valentina nel Journal , quindi io mi rimetto i canini così da cominciare con l'articolo...


Lo stemma del Regno d'Italia

L'ultimo matrimonio della famiglia reale inglese ha riportato l'attenzione dei popoli verso le proprie origini nobili. Se gli aristocratici di un paese erano inclusi nella famosa lista, per i connazionali era come essere invitati personalmente alla cerimonia. Noi guarda caso non siamo stati invitati! Che novità...  Vittorio Emanuele e famiglia non sono stati invitati dai novelli sposi. I rappresentanti del Belpaese erano 4: l'ambasciatore a Londra Giorgio Economides, il marchese Vittorio Frescobaldi, il conte Paolo Filo della Torre e Carlo di Borbone, formalmente il pretendente al trono del Regno delle Due Sicilie. Al povero Emanuele Filiberto è toccato stare in mutande sul divano a fissare Canale 5. Come dar torto ai poveri Windsor? Chi inviterebbe al proprio matrimonio uno degli ultimi Savoia? C'è da dire che dopo le brutte figure rimediate dall'impresentabile Vittorio Emanuele, il figlioletto sta tentando di recuperare l'immagine di famiglia. Ma lo fa ballando con le stelle!

CHE BELLI CHE SONO!! Gli mancano solo i bersagli sulla testa e poi sono perfetti per giocare a freccette!!

Nel lontano 2002,  Camera dei deputati e Senato approvavano la legge costituzionale 23 ottobre 2002, n. 1, eliminando gli effetti giuridici dei i primi due commi della  disposizione transitoria XIII. Questa determinava l'esilio della dinastia dei Re d'Italia, i Savoia, che forse potevamo lasciare dove stavano. Infatti poco tempo dopo, nel novembre 2007, i legali di Casa Savoia inviarono al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e al Presidente del Consiglio Romano Prodi una richiesta di risarcimento per l'esilio di circa 260 milioni di euro. Emmmm, qualcuno già pensava a dove comprare un cannone abbastanza grosso da spararli in orbita.  Emanuele Filiberto dichiarò che tutti i soldi sarebbero stati usati per creare una fondazione volta all'aiuto dei bisognosi. E noi allora abbiamo subito subito cambiato idea! Invece di un cannone era meglio una bella bomba nucleare; giusto per essere sicuri. Amedeo di Savoia-Aosta (che per chi non lo sapesse è il vero erede al trono d'Italia) si dissociò da questa assurda iniziativa dando una grande dimostrazione di regalità. Bhè qualcosa di buono l'avranno pur fatta no!? Si, il figlio ha vinto il 2° posto a Sanremo in coppia con Pupo ed ha anche ammesso serenamente di aver truccato il concorso. In fondo basta comprarsi un paio di call center. Superiamo questo fenomeno di tristezza per occuparci del padre. La mela non cade tanto lontana dall'albero:

  • Il 18 agosto 1978  ci fu una sparatoria in Corsica che si ipotizza fosse dovuta al furto del gommone di Vittorio Emanuele da parte di conviviali del miliardario Nicky Pende. Vittorio Emanuele allora pensò bene di sparare due colpi di carabina. Uno dei proiettili colpì la gamba dello studente tedesco di 19 anni Dirk Geerd Hamer, figlio di Ryke Geerd Hamer, che stava dormendo in una barca vicina. Il giovane morì nel dicembre dello stesso anno dopo una lunga agonia. Il processo fu una vera farsa. La procura ritenne che la pistola venne scambiata per truccare la balistica, la barca venne smontata prima che potesse essere sequestrata ed i testimoni mentirono tutti. Sentite cosa confessò in un video ad alcuni suoi compagni di cella:
« Anche se avevo torto... devo dire che li ho fregati. È davvero eccezionale: venti testimoni, e si sono affacciate tante di quelle personalità importanti. Ero sicuro di vincere. Io ho sparato un colpo così e un colpo in giù, ma il colpo è andato in questa direzione, è andato qui e ha preso la gamba sua, che era steso, passando attraverso la carlinga.»


  • Nel 2006 fu arrestato con le accuse di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e al falso, e associazione a delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione nell'ambito di un'indagine legata al casinò di Campione d'Italia. Il 23 giugno 2006, in seguito ad una parziale ammissione dei fatti è stato messo agli arresti domiciliari. Voleva andare a puttane ma si era raccomandato con l'amico che costassero poco. Quasi quasi preferisco il Berlusca...
  • In realtà il nostro Vittorio non si fa mancare nulla. E' anche stato indagato per traffico d'armi e appartenenza alla loggia massonica P2. Un uomo con le palle! Si, vicino al mento...

Immaginarli come una delle più antiche dinastie d'Europa risulta difficile. La verità è che non basta uno status per guadagnarsi il rispetto della gente. Prima bisogna essere degni di quello status altrimenti consisterà in un semplice errore storico, in un caso fortuito o in una scelta politica. (Questa la dedico ad un mio conoscente...)
Ma rimandarli in Svizzera? Ummm... Mamma mia, forse sono acido... Insomma,  qualche gaffè può capitare a tutti. Anche il consorte della Regina Elisabetta, Filippo di Edimburgo è noto per le sue uscite poco piacevoli. Mentre era in visita in Australia ha chiesto a un nativo: «Vi scagliate ancora le lance l'uno contro l'altro?». Ehhhh l'etichetta, l'etichetta... bisogna guardarla bene prima di acquistare un titolo nobiliare! Rischiereste di trovarvi in famiglia uno di questi personaggi. Fidatevi, danno uno spettacolo tale da far arrossire un porno divo. E purtroppo...


Show must go on...
FILM CONSIGLIATO: L'ultimo re di Scozia


PS: In onore di William e Kate vi consiglio anche questo piccolo capolavoro musicale. Ah, se avete notato che ho utilizzato un font diverso è solo perchè Arial mi dava un senso di aristocratico. Eheheh Buon Weekend!


giovedì 28 aprile 2011

CapaRezza alla riscossa!

Salve a tutti! Spero abbiate passato buone feste magnando, bevendo e cantando! Purtroppo il tempo non è stato dei migliori ma una vacanza, anche se breve, è sempre una vacanza. Stiamo procedendo col progetto del Sancta Santorum Journal e presto avrete la possibilità di ascoltarci oltre che di leggerci. Oltretutto stiamo preparando una nuova intervista di cui vi darò presto notizia. Il Capitano Ultimo non siamo riusciti a rintracciarlo (non è un'amante dei mezzi di comunicazione) quindi siamo passati oltre. Il pezzo di oggi è in musica e credo abbiate già capito tutti a chi mi riferisco. L'artista più eclettico e nerd del panorama italiano! Il cantante più capellone e meno fricchettone! Il solo ed unico CapaRezza! Con lui non ci si annoia mai, perciò... Goodbye Malinconia!

  1. Nessun dorma – 0:25 (Beniamino Gigli)
  2. Tutti dormano – 2:03
  3. Chi se ne frega della musica – 4:54
  4. Il dito medio di Galileo – 6:02
  5. Sono il tuo sogno eretico – 3:54
  6. Cose che non capisco – 3:11
  7. Goodbye Malinconia – 4:49 (feat. Tony Hadley)
  8. La marchetta di Popolino – 4:30
  9. La fine di Gaia – 4:40
  10. House Credibility – 4:02
  11. Kevin Spacey – 3:43
  12. Legalize the Premier – 4:23 (feat. Alborosie)
  13. Messa in moto – 4:49
  14. Non siete Stato voi – 4:43
  15. La ghigliottina – 5:06
  16. Ti sorrido mentre affogo – 3:05

Se fondessimo Albano e De Andrè con la testa di Max Gazzè il risultato sarebbe Caparezza. In quest'ultimo anno ha lavorato con altri artisti (Pino Scotto) ed ha anche esordito nel cinema (con Checco Zalone) ma non ci ha privato del piacere della sua ultima opera. Il sogno eretico è il quinto album musicale di CapaRezza, pubblicato il 1º marzo 2011 da Universal Music. L'album è stato preceduto dal singolo Goodbye Malinconia, realizzato insieme a Tony Hadley (eh si, quello degli Spandau Ballet). Dopo meno di due mesi ha già conquistato il disco d'oro grazie alle oltre 30.000 copie vendute. Se calcolassimo anche il numero dei Download non basterebbero gli zeri...

Inizialmente devo ammettere che non ero impazzito per quest'ultimo album. C'era qualcosa di diverso che non mi ricordava il suo stile se non a tratti. Poco tempo dopo ho ascoltato "Non siete stato voi" e da lì l'amore... Le sue ultime canzoni presentano un importante cambiamento rispetto alle precedenti ed è nelle tematiche. Ovviamente nuove tematiche necessitano di nuove sonorità e da qui il mio primo scontro con "Il sogno eretico". Il nostro Michelino (vero nome di CapaRezza) continua a descrivere il mondo attraverso gli occhi di un nerd dissacrante ma con una differenza. La rabbia e l'amarezza che incominciavano a farsi sentire in "Le dimensioni del mio Caos" qui sono evidenti. Nel penultimo album, il nostro artista pugliese smetteva di raccontare di sè  per parlarci della "fatica degli operai" in Eroe (La vera storia di Luigi delle Bicocche), della sua terra malata in "Vieni a ballare in Puglia" e della società delle apparenze in "Io diventerò qualcuno". Ora è tornato più inca***to che mai e con un carico di ironia che farebbe arrossire anche Luttazzi! Ecco l'ordine la mia personale top five ricavata dal suo ultimo album:

5 - La marchetta di Topolino
Descrivere l'Italia odierna in chiave Disney? Si può fare. Questo brano fa continui riferimenti ai personaggi di Topolino, quasi per antonomasia, per tracciare i lineamenti dell'attuale realtà sociale. Parla del popolino, ovvero la parte di un popolo caratterizzata da rozzezza, volgarità e arretratezza culturale. I vari giochi di parole delineano gli italiani nei loro controsensi: odiano i benestanti ma ne votano i rappresentanti o stringono la mano alla polizia ma si accompagnano con la gentaglia quando sono in maretta.

4 - Ti sorrido mentre affogo
Una canzone così alternativa che gliela invidierebbero persino i Bluvertigo. Il cantautore, ormai stufo delle critiche ricevute ai suoi testi, dichiara che non gli interessa «essere capito» e che non vuole necessariamente «andare d'accordo», perchè lui crea musica indipendentemente da cosa ne pensano gli altri. Questo ci ricorda un pò le tematiche di "Abiura di me", altro lavoro fantastico.

3 - Kevin Spacey
Assolutamente geniale; spoiler allo stato puro. CapaRezza introduce la canzone informando gli ascoltatori che dopo aver sentito il brano avrebbero avuto il motivo giusto per odiarlo. Bhè i motivi ci stanno tutti! Questo rap racconta i finali di moltissimi film famosi; cult che dopo non varrà la pena vedere. Almeno risparmierete denari da Blockbuster o tempo su Megavideo.

2 - Goodbye Malinconia
Cantato in collaborazione con Tony Hadley, parla del contesto culturale, sociale e politico di Malincònia, metafora dell'Italia, un paese che la gente abbandona perchè non offre possibilità. Ovviamente i riferimenti alla "fuga dei cervelli" ed ai nostri "migranti economici" sono in primo piano. Chi parte saluta la Malinconia o è triste perchè fugge da Malinconia? Questa interpretazione è personale.

1 - Non siete stato voi
Un inno contro l'ipocrisia, la sfacciataggine e la corruzione della politica attuale. CapaRezza raccoglie tutto il peggio della classe dirigente e ci spara a zero: la lotta contro la magistratura, i giornalisti seri e quelli di parte e le caccie agli immigrati. Come affermato dall'autore, si tratta di un brano «composto di pancia», uno «sfogo» nato dall'«indignazione fortissima e la rabbia», in cui «non c'è un filo di ironia» e nemmeno «la tipica voce nasale» per la quale il cantante è conosciuto. Tant'è che quest'ultimo lo ha definito un «pezzo di Michele Salvemini, e non di Caparezza».

Bhè non vi resta che comprarlo ed ascoltarlo. La musica ha un grande potere sulla coscienza sociale e questo genere è tra i miei preferiti. Non è tanto il messaggio insito nei testi ma le emozioni e la sincerità che contengono. Quando un'artista crede veramente nella propria opera e ci mette l'anima per realizzarla, questa non potrà che ispirarne gli ammiratori. Spero che il nostro CapaRezza continui la sua carriera ancora a lungo nonostante critiche e le sue posizioni scomode. In fondo...

Show must go on...
FILM CONSIGLIATO: Il pianista sull'oceano

venerdì 22 aprile 2011

Buona Pasqua da Sancta Santorum!

Cari amici, buone feste!

Vi lasciamo in questi giorni per prenderci un pò di riposo. Questo lunedì non ci sarà il journal e per i miei articoli ci vedremo direttamente mercoledì 27 aprile. Spero che possiate riposarvi lautamente e che riusciate anche a staccare un pò la spina da quanto di brutto sentiamo ogni giorno...Solo per un pò. Le feste devono essere solo ed esclusivamente un momento di gioia. Auguroni e bone magnate da tutta la Redazione di Sancta Santorum! Bye Bye!

PS: Credevate che non vi preparavo una bella sorpresa dentro l'uovo di Pasqua? Ecco a voi il sogno di ogni studente italiano: la Gelmini a pezzi! Enjoy it

mercoledì 20 aprile 2011

Veronesi & Co: L'industria dei tumori


Companeros, Tovarich, Companion, Compagni!

Unitevi a noi per il blog!

Ahahah che entrata eh?! Tranquilli, non mi sono schierato. E' solo che da un periodo a questa parte c'è chi continua a pensare il contrario.  Siccome tocco certi argomenti cari anche a Beppe Grillo, Travaglio, Santoro, etc. allora sono comunista. Ancora una volta voglio intimare a tutti di non essere fedeli alla politica dei partiti ma a quella delle scelte giuste. Prima di passare all'articolo volevo anche far notare che abbiamo inserito delle Nuove Sezioni, lì in alto vicino al Banner. Se non le avete mai guardate dateci un'occhiata. Mi raccomando anche il sondaggio! Ok boys, start searching for a different type of air! Yaeh, we wonna breath it!


L'uomo radiottivo, il primo superoe italiano
Ma...Ma...Ma...Cos'è successo? Il Governo ha gettato le armi? Niente nucleare?! Ahhhhh...Anche niente referendum? Allora è normale, siamo ancora in Italia. Una magica nazione dove l'opposizione è composta da cretini che esultano per una vittoria inesistente. Bersani ulula di piacere e gonfia il petto come se, una volta tanto, il Pd avesse battuto ai voti una proposta in Parlamento. Solo Di Pietro mantiene un pò di decenza evitando di gioire inutilmente. Se riuscisse anche a motivare ai giornalisti la sua rabbia  come un politico piuttosto che come un cavernicolo inca**ato l'effetto sarebbe migliore. La verità è che c'hanno fregato di nuovo ed il 90% del Parlamento finge di non saperlo. Se il referendum viene bloccato allora non potremo decidere sul legittimo (o meglio illegittimo) impedimento e sulla privatizzazione dell'acqua. In pratica rimarremo con Berlusconi a pascolare felice con le sue pecorelle ed una doccia ci costerà 5 euro. Una doccia 5 euro? Siamo sicuro che è un furto? In fondo parcheggiare a Roma per andare in ufficio ti costa uguale...


Scorie 2011, un'annata Doc!!
Questo iter travagliato ha coinvolto grandi menti, ognuna con la propria opinione. Tra questi spicca Veronesi, il famoso oncologo, che ci ha assicurato che le Centrali Nucleari non sono pericolose. Fukushima che c'entra mò? In Italia mica ci stanno i terremoti. Per lui la Terza Generazione è la migliore, come un bordeaux  del 1970. Certo che rispetto a Chernobyl la differenza c'è, ma rimangono ancora gli stessi protocolli di sicurezza ed il problema delle scorie radiottive. Quelle ad esempio le diamo ai nostri figli nel panino con la mortadella. O magari se ne occupa la mafia no? Oltretutto noi siamo un paese con un minuscolo background atomico quindi, nonostante i nostri validissimi scienziati, dovremmo richiedere interventi esterni per convalidare la sicurezza dei siti nucleari. Un oncologo amico delle centrali nucleari ti confonde come un vegetariano che entra dal macellaio. Speriamo che non voglia allungare la lista dei suoi pazienti. No, è più probabile che si sia lasciato comprare. Solita storia, siamo in Italia. Bertinotti sarebbe disposto a defecare sulla foto di Lenin per 250.000 euro. 



Shò tropoo bravo nè!
Ma perchè ci stupiamo? Dopo tutti questi anni dovremmo aver capito che NOI, cittadini e popolo italiano, veniamo in secondo piano. Tutto di noi può essere sacrificato. Possono mettere gli Eco-pass a Milano (sai com'è, l'ambiente costa) ma abbattere Parco Sempione nonostante 16000 firme; una delle ultime zone verdi. Possono far saltere in aria il Velodromo nel quartiere Eur di Roma ancora colmo di amianto a 10 metri da una scuola elementare. Secondo voi è partita un'inchiesta? Ehhh mica una, due, tre, mille...0.  E allora il ministro Bersani che chiama a raccolta i colleghi Turco (ministro della Salute) e Mastella (...ministro della Giustizia) per imbavagliare i medici contrari agli inceneritori? Ne vogliamo discutere? Causavano gravi complicazioni e tumori, sopratutto ai bambini. Lui inviò una lettera ai suoi complici, praticamente una condanna, per segnalare il "grave episodio" della presa di posizione dell'Ordine dei medici dell'Emilia Romagna. Una lettera in cui Bersani chiede ai due ministri di valutare la possibilità di intervenire con "tutte le misure necessarie" per sanzionare i responsabili che rischiano di "procurare un grave allarme nella popolazione interessata e di ostacolare gravemente il legittimo esercizio delle competenze amministrative di una vasta pluralità di enti pubblici locali". Allucinante. Quest'uomo recita la parte del paladino ambientalista e poi è ben lieto di far respirare ai nostri figli i fumi di quelle malefiche ciminiere. Il sindaco di Fiumicino lottò con le unghie e con i denti per impedire che ne installassero una in quella zona. Gli inceneritori attuali sono ancora pericolosissimi per la salute.

Quindi, se PER NON RAGGIUNGERE IL QUORUM il Governo sta tentando di calare l'attenzione sul referendum abolendo in anticipo il nucleare, noi andremo a votare piú di prima. Ai referendum di domenica 12 e lunedì 13 giugno vota SI per dire NO.
- Vota SI per dire NO ALLA PRIVATIZZAZIONE DELL'ACQUA.
- Vota SI per dire NO AL LEGITTIMO IMPEDIMENTO.

Magari un giorno starà a noi scegliere come usare i fondi che volevano stanziare per le centrali nucleari. Potremmo investirli nella ricerca di fonti di energia alternativa. Frammentiamo la particella più piccola dell'universo e non possiamo costruire impianti ad energia solare? Oppure potremmo comprarci un bel razzo dalla Nasa e riempirlo di deputati e senatori per spedirlo sulla luna. Così finalmente romperanno i cog***ni ai marziani piuttosto che a noi. Sarebbe un bello spettacolo e quindi non dubitiamo...

Show must go on...
FILM CONSIGLIATO: Armageddon

lunedì 18 aprile 2011

Sancta Santorum Journal 12°


EDITORIALE INDIPENDENTE
CRONACA/POLITICA ITALIANA

Baby Deputati

Giorgia Meloni e Roberto Calderoli hanno dimostrato l’intenzione del Governo di far spazio ai giovani con un recente ddl. In questo modo i ragazzi di 18 anni potranno diventare deputati mentre quelli di 25 anni senatori. L’iniziativa è stata ben accolta da entrambe le Camere e porterà ad un’importante riforma della Costituzione. Finalmente avremo la certezza di portare una ventata di novità nel nostro Parlamento! Quale partito non rinuncerà a togliere la sedia ad un veterano per far posto ad un novizio? Quale partito non beneficerà dell’esperienza di un politico 18enne? In fondo se ha preso la patente perché non la tessera da deputato? Il nostro futuro è al sicuro. Se Dio vuole potremo anche goderci lo spettacolo di una Ruby in Parlamento. Pensate se la Montalcini se la trovasse come compagna di banco…

Fonte:

Toghe rosso sangue

La settimana scorsa a Milano sono apparsi dei manifesti, tra quelli pubblicitari e quelli politici della Moratti,  con scritto “Via le Br dalle procure”. Subito è scoppiato lo scandalo. Chi è l’autore di questa provocazione? Roberto Lassini, un ex sindaco democristiano che ora milita nel Pdl. L’uomo venne accusato di tentata concussione e ci vollero 5 anni per il proscioglimento. Può sembrare una vittima del sistema ma in verità fu solo molto sfortunato. In mezzo all’inchiesta c’era Serafino Generoso, un assessore già indagato per Mani Pulite che trascinò con se altri 4 imputati. Il processo non era semplice e bisogna anche ricordarsi che le procure sono composte da esseri umani. Solo chi lavora in questo settore sa quanto fatichino i giudici giornalmente, caricandosi faldoni su faldoni.
"Rammento che a Milano le Br in Procura ci sono state davvero, ma per assassinare magistrati" ha commentato il procuratore di Milano Edmondo Bruti Liberati. Le parole del magistrato arrivano dopo le accuse del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che aveva tracciato un parallelo tra Pm e Br. Possibile che se la giustizia non deve fare politica invece il contrario sia lecito? Chi giudicherà i giudici? Speriamo non tocchi agli indagati…

Fonte:


CRONACA/POLITICA ESTERA
Arrigoni ed il Fuoco Amico
L'attivista Vittorio Arrigoni era giunto nella Striscia di Gaza nel 2008 con una delle navi che violo' l'embargo Israeliano. In questi anni ha tenuto un blog sulla reale condizione di quell'area straziata da guerre con Israele ed instabilità interna, di notte dava il suo contributo lavorando in ambulanza. Si è sempre schierato dalla parte dei Palestinesi ed alla loro causa si è completamente dedicato. Eppure giovedi è stato rapito e dopo un finto ultimatum è stato ucciso. La striscia di Gaza è sotto il controllo di Hamas, organizzazione dalle vedute estremiste, e proprio a quest'ultima si deve la responsabilità di  questo omicidio. Per l'esattezza si parla di una cellula Salafita "fuori controllo", una  branca di Hamas che ha una dottrina ancor piu' radicale. Uccidere un pacifista che da anni si dedica alla propria stessa causa sembra un atto senza senso, l'unica spiegazione al momento plausibile potrebbe essere una " comunicazione interna". Questo braccio Salafita potrebbe aver voluto lanciare un messaggio chiaro ai leader di Hamas, facendo cosi' arrivare sulla stessa critiche e dubbi (leciti) sulla sua capacità di gestione interna. La vita di questo ragazzo era dedicata alla pace ed alla solidarietà, ma nel momento in cui la famiglia si impunta e pretende che L'Italia non rimpatri la salma attraverso Israele, questa vicenda rimarrà macchiata da un atteggiamento non dedito alla solidarietà e di sicuro non dedito alla pace.


CRONACA ROSA E SPETTACOLO

Sregolatezze Hollywoodiane

Siamo ormai abituati alle star Hollywoodiane che trascorrono le loro giornate tra ville da favola e centri di riabilitazione, feste mondane e nottate in prigione, tra copertine glamour e foto segnaletiche che mostrano o dimostrano la loro vera identità.
Impossibile elencarli tutti, ma l’ultimo fra i tanti è stato il celeberrimo Nicholas Cage.
L’attore, venerdì sera, è stato fermato dalla polizia di New Orleans, quando ubriaco, è stato sorpreso a litigare furentemente con la moglie per le vie della città, sino a strattonarla ripetutamente per poi, evidentemente non soddisfatto, iniziare a colpire alcune macchine parcheggiate e, per concludere in bellezza, fermare un tassista intimandogli di lasciare l’auto per farlo guidare.
Insomma, Cage ha dato spettacolo tanto da ricevere la visita della polizia che, dopo aver appreso con sorpresa chi fosse la fonte del reato, ha cercato di calmarlo ricevendo però diversi vaneggiamenti e provocazioni come risposta.
Risultato? Cage arrestato e dopo diverse ore passate in centrale, grazie alla consueta schiera di avvocati giunti per salvaguardarlo, è stato rilasciato su cauzione, seppur tuttavia, il 31 maggio lo attende l’udienza in cui dovrà rispondere di violenza domestica, disturbo della quiete pubblica ed ubriachezza molesta.
E’ proprio vero, quando si ha tutto… non si ha niente.

Fonte:

CALCIO E SPORT VARI

Spettacolo in Cina

Iniziano finalmente a funzionare le nuove regole introdotte dalla federazione per rendere più spettacolari le gare di Formula 1. Il degrado precoce delle gomme Pirelli ha infatti reso imprevedibile l’andamento della gara premiando alla fine i team più abili nel pianificare la strategia dei pit-stop. Inoltre il fatto che in almeno un tratto di gara ciascun pilota si è trovato in crisi con le gomme ha reso possibili molti sorpassi, una rarità nella F1 moderna. Al termine di questo valzer è stato Hamilton a spuntarla riuscendo a superare Vettel negli ultimi giri poiché quest’ultimo, al pari delle Ferrari, ha tentato di arrivare in fondo con solo 2 pit-stop e per questo negli ultimi giri non è riuscito a resistere agli attacchi del pilota inglese. Sul gradino più basso del podio è salito Webber autore di una strepitosa rimonta, dato che era partito dal sedicesimo posto in griglia, dimostrando ancora una volta quanto sia competitiva la vettura allestita dal team RedBull. Disastrosa invece la gara delle rosse, tradite dagli uomini del box incapaci di gestire la situazione delle gomme, nonostante le vetture si siano dimostrate abbastanza competitive sul passo gara. A meno di un miracolo, consistente in significativi miglioramenti da apportare alla vettura, già dopo 3 gare Alonso e Massa sembrano tagliati fuori dalla lotta al titolo.

Fonte:

La svolta!

Anche se questo si è rivelato il campionato più equilibrato ed imprevedibile degli ultimi 10 anni, a 5 giornate dal termine almeno un verdetto sembra esser stato raggiunto: l’Inter non vincerà il campionato per la sesta volta consecutiva, ma il tricolore resterà comunque a Milano. Dopo la meritata sconfitta di Parma per 2-0 e la contemporanea vittoria 3-0 sulla Sampdoria dei cugini rossoneri la squadra di Leonardo si trova staccata di 8 punti dalla vetta, troppi per porvi rimedio. Stesso discorso per il Napoli che, a causa della sconfitta casalinga per mano dell’Udinese, si ritrova a 6 punti dal Milan capolista. Resta aperta, quantomeno per due squadre, la corsa per il quarto posto che, per l’ultima volta quest’anno, permette di accedere alla Champions League. La Lazio, vincendo con merito 4-1 a Catania, ha mantenuto una lunghezza di vantaggio sui friulani e ha sfruttato i passi falsi di tutte le altre avversarie. La Juventus infatti dopo il pareggio di Firenze è tornata a meno 8 e nonostante il momento positivo difficilmente potrà recuperare. Stesso discorso per la Roma che alza bandiera bianca dopo la sconfitta casalinga col Palermo, pienamente meritata grazie ad un’impressionante serie di errori sotto porta di Vucinic e Menez. In coda cadono ancora Brescia e Sampdoria ed a questo punto, a meno di improvvisi cambi di rotta, sembrano essere le più accreditate per aggiungersi al Bari e fare ritorno in serie B.

Fonte:

VIDEOGAMES E TECNOLOGIE
Wii 2?
Una serie di rumor sparsi per la rete sembrerebbero confermare la presentazione della nuova home console Nintendo al prossimo E3: nome in codice "Project Cafe".
Alcune voci di corridoio affermano che la nuova console sarà di poco più potente di un Xbox 360 e che sarà dotata di joystick muniti di touch-screen (perciò dovrebbero servire almeno 4 occhi per poterci giocare).
Aspettiamo con trepidazione nuove informazioni; ma, conoscendo la politica di Public Relations di Nintendo, è probabile che dovremo attendere proprio fino all' E3 di Giugno per poterne sapere qualcosa di più.

Fonte:


Dragon Age 2, risolviamo i problemi.
Dal sito di Bioware è possibile scaricare la patch 1.02 per Dragon Age 2. Essa dovrebbe risolvere i bug che non permettevano di portare a termine alcune missioni secondarie ed altri errori minori.
Per chiunque se lo stesse chiedendo, la risposta è no: non fornirà il vostro gioco di una trama decente.

Fonte:

sabato 16 aprile 2011

TermiNETor: Quando internet fa a pezzi l'economia!

Un caro saluti a tutti i nostri Blogreader! Per chi non avesse fatto in tempo a vederlo, lo scorso sondaggio è stato vinto da Maroni. Attualmente, tra quelli che avevamo selezionato (crème della crème), lui è stato ritenuto il ministro che lavorato meglio. Pensate come stiamo messi...Tzè, mi stupisco che Frattini non abbia preso un voto! Ahahah ma torniamo seri. L'argomento di oggi ci tocca tutti sul profilo personale... Mi riferisco a quello di Facebook! Il Web è ormai parte integrante delle nostre giornate, questo blog ne è un esempio. So, connect yourself!

Lui distruggerà il tuo conto in banca.

TermiNETor è una parola di mia invenzione che significa "siti internet che hanno ucciso certi settori produttivi o certe attività economiche".  In realtà però non nasce in accezione negativa, anche se capiterà spesso che venga usata in questo modo. Ebay ha affondato moltissime aziende che operavano sul mercato. Perchè? Facciamo un esempio: La Sancta & Co. Questa azienda continuava a vendere solo tramite contatti personali e non anche via internet. Se avesse adoperato Ebay, creando il proprio negozio virtuale, il suo introito sarebbe cresciuto notevolmente. In aggiunta avrebbe potuto abbassare i prezzi. Se prima stava lavorando per aprire il secondo negozio (tra mutui, prestiti, etc.) in un'altra zona, allargando la clientela, ora non è più necessario. Non serviranno tre nuovi assunti ma uno soltanto che da una postazione verifichi le aste o il sito aziendale. Il suo negozio sarà virtuale; zero spese e tutto guadagno. Quanti credete che l'abbiano fatto? Molti sì e molti no. Parecchi negozi per collezionisti sono falliti perchè non riuscivano a guadagnare neanche scontando tutto al 25%. A gestirli erano persone poco esperte di Web e senza capacità d'innovazione. E' vero che il mercato si è ristretto ed alcuni, nonostante gli sforzi, hanno chiuso comunque. Però una bella fetta di questi fallimenti è legata all'incapacità di manager o imprenditori di comprendere questo nuovo millennio; questa è l'era dell'e-commerce. Possiamo aprire un conto corrente senza neanche mettere piede in una banca reale! Basti pensare a ContoArancio, Fineco, Mediolanum...

Altri siti invece hanno causato una vera e propria pandemia! Expedia è un esempio di come una buona idea possa diventare, in pochissimo tempo, un monopolio informatico ed internazionale. Un tempo si andava anche per viaggi semplici (quelli da 2 ore di aereo) all'agenzia di viaggi. Era estate, volevi star fuori una settimana, e loro ti preparavano un pacchetto. Oggi nessuno perderebbe il proprio tempo così. I voli li trovi sui siti delle compagnie aeree, gli hotel ed i ristoranti sono recensiti da TripAdvisor. Se vuoi un pacchetto bello e pronto te lo prepara Expedia con anche un bel risparmio di spesa. Molti giovani usano internet anche per organizzare viaggi complessi; vedi in Asia o Interrail. La batosta per le agenzie di viaggio non è stata leggera. Precedentemente, solo loro disponevano di quei canali di informazione che adesso sono a portata di click. Purtroppo non è colpa del Web ma l'evoluzione della tecnologia che sotto molti aspetti è simile all'evoluzione della specie. I forti sopravvivono ed i deboli muoiono.


Questo non vuol dire che bisogna arrendersi! Anzi si devono stringere i denti e con sangue e lacrime rimettersi in carreggiata. Molti esperti di settori che stavano andando alla malora si sono reinventati. Hanno creato Blog che fornivano consulenze gratuite guadagnando in pubblicità e mantendosi egregiamente anche con un 2° lavoro. Altri hanno trasferito le proprie capacità nel cyber spazio, come gli avvocati, online che preparano le famose lettere da 200 euro cadauna a soli 20 euro. Una mail, Paypal e Tribunale. Facile no? Sono tempi difficili ma i mezzi per riprenderci non mancano. Bisogna interpretare le esigenze di questa nuova società più diretta, veloce e virtuale. Presto i libri potranno essere scaricati comodamente da casa e dovremmo chiederci che fine faranno le librerie. Se un giudice può avere sul proprio Ibook 6 codici diversi perchè dovrebbe comprarsi quelli in formato cartaceo? Svegliamoci, il mercato sta cambiando secondo dopo secondo. Ogni ora potrebbe essere online il nuovo progetto che cambierà l'economia mondiale. E' già successo per il commercio della musica, dei videgiochi, dei software, delle vendite in generis e del turismo. Apriamo gli occhi, guardiamoci in torno e non dimentichiamo che...

Show must go on...
FILM CONSIGLIATO: The social Network


giovedì 14 aprile 2011

L'Italia siamo noi! Il futuro dell'immigrazione...

Ciao, mi chiamo Zara. E' inutile che ti spieghi da dove vengo, tanto per te non farà differenza. E' uno di quei luoghi invisibili del mondo, quelli che tutti vogliamo dimenticare. Ho 5 figli e li ho portati con me, lontani da quell'inferno. Purtroppo ora le cose non si sono sistemate. Mi trovo in un Centro di Identificazione a Crotone; ci sto da mesi. Ho fatto richiesta di asilo ma i tempi sono lunghi e miei bambini sono troppo piccoli per vivere in questa miseria. Ho provato ad arrivare in Svezia, mi hanno assicurato che lì mi avrebbero protetto dalla guerra e dalla corruzione che prolifera nella mia terra. Ho dormito all'aperto per una settimana, vicino a Lungo Tevere con i miei figli. Magari mi hai notato mentre elemosinavo 1 euro... Mi chiedevo se Dio ci avrebbe aiutato. Alla fine mi ha ascoltato ed un mio conoscente mi ha rimediato un imbarco per la Svezia. C'ero sono riuscita! I miei tesori potevano avere un futuro lì. C'ho vissuto per 8 mesi, imparando la lingua e riscoprendo la felicità. I miei bambini andavano a scuola, io lavoravo ed avevamo una casa. Eppure una mattina, alle 6 in punto, la polizia ha bussato alla nostra porta. Il giorno dopo saremmo tornati in Italia perchè quello era il primo posto dove avevamo fatto richiesta d'asilo. Io non volevo ma loro non hanno sentito ragioni. Così eccomi di nuovo a qui, con le mie 5 stelle, a sperare che Dio mi aiuti una seconda volta...

Da una storia vera.
Quando la burocrazia degli uomini è disumana.


Sono a pochi metri da Laura Boldrini, Portavoce dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. L'aula è colma di studenti. Non bastano i 300 posti disponibili e molti sono seduti a terra o sul tavoli disposti per l'occasione. C'è clima di curiosità e fervore intellettuale. Qual'è la verità degli stranieri?

Questo articolo è un estratto della conferenza "Immigrazione:quale futuro?".
Attualmente non è arrivato neanche un libico nel nostro paese; sono somali, libanesi, tunisini. Tutti credono che sono libici perchè provengono dalla Libia. Perchè allora partono da lì? Molti si erano trasferiti in Libia in cerca di protezione politica. Gli altri? Bhè per anni, abbiamo usato la Libia come il nostro porto personale per reietti. Tutti quelli che non volevamo li spedivamo a Tripoli. Ora stanno semplicemente tornando... Un tempo il nostro paese avrebbe almeno verificato se tra loro c'erano rifugiati. Purtroppo la Politica del Respingimento ha fatto sì che eliminasse a priori la valutazione dello status di rifugiato da parte del Governo italiano. Anni fa l'Italia si vantava del Modello Lampedusa; eravamo un esempio in Europa nel campo dell'immigrazione. Li bloccavamo alla frontiera e verificavamo di volta in volta chi tra loro era vittima di dittature o chissà cos'altro. Funzionava perfettamente. Ora invece li rimandiamo in mare e li condanniamo a morte. In compenso siamo sempre più compassionevoli di Malta (Sai che ci vuole?!). L'equivoco è nell'idea che anche i rifugiati che attraccano sulle nostre coste sia un pericolo per noi. Un clandestino è equiparato ad un rifugiato, quindi ad una minaccia. 

Certo non tutti salpano a causa delle difficoltà vissute nella propria madrepatria. Ma se non li incontriamo come potremo saperlo? Chi vuole questo peso sulla coscienza? E dov'è la politica? Possibile che queste persone siano solo un intralcio? Il sindaco di Riace, uomo illuminato, gestiva  un borgo che si stava spopolando. Scommise sugli extra-comunitari trasformandoli in cittadini italiani, rendendoli parte della comunità. Furono più importanti gli immigrati che i bronzi. Con i fondi europei furono ristrutturate le case, le scuole non vennero chiuse e le botteghe furono riaperte. Divenne un vero Eden, ma queste storie non vengono raccontate. La società che oggi emerge dalla televisione è quella col coltello tra i denti. Si vedono solo i modelli negativi e non quelli positivi. Gli spettatori credono che il razzismo sia la normalità. Non sanno dei medici che curano i malati gratis, degli avvocati che preparano i ricorsi pro bono e dei professori che insegnano ai bambini fuori orario. 

Attualmente molti tunisini sono migranti economici e sono sbarcati in modo irregolare. Ma come può uno straniero essere considerato regolare qui da noi?

  1. Deve essere un cittadino europeo autosufficiente sia economicamente che abitativamente.
  2. Se non è un cittadino europeo deve possedere già un contratto di lavoro con un datore di lavoro italiano.
  3. Se non è un cittadino europeo potrebbe trovare lavoro sul posto nel periodo di clandestinità. Però per essere assunti serve il permesso di soggiorno e per ottenere quest'ultimo serve un lavoro.
  4. Dovrebbe, ma spesso non basta, essere in pericolo di vita nella sua terra d'origine. In pratica un rifugiato politico o un cittadino extracomunitario in stato di necessità.

Ritenete giusto quanto scritto sopra? Le muraglie cinesi sono inutili, servono meccanismi i di integrazione. Non possiamo chiuderci a riccio e sperare che la situazione si risolva. Non sono neanche stati recuperati i cadaveri dei naufraghi. I parenti degli scomparsi ci contattano da altri Stati per effettuare i riconoscimenti. Non solo non potranno dare l'ultimo saluto ai loro cari ma non potranno nemmeno sepperli. Intanto Egitto e Bangladesh hanno deciso di aprire le frontiere ai libici caricandosi il peso di ben 500.000 immigrati; questo nonostante le loro difficoltà economiche. Noi le abbiamo serrate dopo solo 3500 individui. La Libia ha accettato 22.000 tunisini in patria; noi ci lamentiamo di 2500. Eppure ogni anno arrivano 200.000 migranti con regolare visto e restano oltre la scadenza; nessuno ne parla. Invece arrivano meno di 30.000 disperati e sembra che il paese stia crollando. Nessuno sarebbe disposto a rischiare la vita in quel modo se avesse scelta. Questa gente non può guadagnare neanche i soldi per un tozzo di pane e preferiscono venire da noi a lavare i vetri. Sono contenti anche dei nostri insulti se la sera possono dormire su un vecchio materasso. Oltretutto, non mi stancherò mai di ripeterlo, tra loro ci sono anche i perseguitati dai regimi. Per loro sarebbe molto più sicuro ed economico prendere  i mezzi ufficiali ma a volte i documenti per l'espatrio non vengono concessi dal Governo e il trafficante diventa l'ultima risorsa. Per queste persone i documenti sono un privilegio. 

I Lampedusani si sono sentiti soffocare, le forze dell'ordine erano in affanno ed i migranti sono stati privati di ogni dignità. Molti di loro non si sono potuti lavare per giorni e si vergognavano come cani di fronte ai volontari della Caritas. Tutto questo perchè il Governo attuale ed i precedenti hanno incasinato tutto per motivi propagandistici. Così ora le istituzioni non si sono potute muovere. Non è stata applicato il meccanismo distributivo come si sarebbe dovuto fare, quello un tempo adoperato. Ci sono 2500 posti letto offerti dalla Caritas e nessuna risposta da parte delle istituzioni! Ecco i risultati di una politica più xenofobica che umana. Chiediamo l'aiuto dell'Unione Europea ma questa ha ben 27 legislazioni differenti in materia di immigrazione ed asilo! Non si può invocare l'Europa quando nessuno ha voluto cedere la sovranità in questa materia, noi per primi.

Castelli: Bisogna respingere gli immigrati, ma non possiamo sparargli, almeno per ora.
Speroni: Spariamo come fanno i tunisini ai pescherecci.


Queste persone vi blandiscono con parole da non decantare alle folle. L'odio e l'idiozia che fuoriesce dalle loro bocche non deve distrarvi. Per loro non importa l'argomento, basta che non si discuta dei veri problemi dei cittadini; potreste accorgervi che sono gli stessi politici  il problema. Oggi il fardello di cui liberarsi sono gli stranieri... ma domani? Potrebbero essere quelli del Sud, i poveri o magari i gay. Nessuno sa come finirà ma è certo che...
 
Show must go on...
FILM CONSIGLIATO: Questa volta non si tratta di un film ma di un video. E' un'inchiesta delle Iene che merita di essere guardata, nel bene e nel male. Noi possiamo sempre scegliere chi essere.
http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/219500/golia-in-fuga-da-manduria.html

lunedì 11 aprile 2011

Sancta Santorum Journal 11°

EDITORIALE INDIPENDENTE

CRONACA/POLITICA ITALIANA
Smontiamo la Rai: Santoro vs Libero
E’ difficile essere un giornalista contro corrente oggi. Si ricorre ad ogni espediente per smuovere le coscienze e non sempre si riesce ad essere coerenti. Non è la prima volta che Santoro casca nella sua stessa trappola e per giunta con tutte le scarpe. Poco tempo fa aveva insultato pesantemente dei volontari che scattavano fotografie vicino casa sua pensando fossero paparazzi. In realtà, anche se ci fosse stato Corona in persona, sarebbe stato ipocrita da parte sua impedirgli riprese e foto. Ciò che ha reso famoso Annozero in fondo è il suo modus operandi investigativo ed aggressivo. Il gennaio scorso, Libero aveva pubblicato il numero di cellulare di Santoro dopo che lui aveva fatto lo stesso in diretta con quello di Berlusconi. Inutile raccontarvi che il nostro Michele si è impiccato con le sue stesse mani. La settimana scorsa, per due giorni di telefonate continue ha chiesto un rimborso di 150.000 euro. Tutto questo per rimborsare il cambio di utenza a spese della Rai (è quella fornita dall’azienda) e per spedire un sms ad amici e colleghi per informarli del nuovo numero. Bravo! Così si fa! Denunciando con cifre improponibili i giornalisti che rivelano informazioni personali. Aspetta… ma parlavamo di Berlusconi o Santoro?!

Fonte:

Smontiamo la Rai: Vespa vs Baudo
Un flop il programma, un flop la conduzione ed un flop il finale. Vista la ben nota coerenza dei presentatori non potevamo aspettarci altro. Ma chi è il genio che ha affiancato due personaggi televisivi simili su di un unico palco? Quando metti due prime donne come Baudo e Vespa a condurre il risultato non può essere che questo. Il colpo di grazia alla serata l’ha dato il povero Santoro. Vespa ha perso la ragione quando l’ha visto inserito in una serie di immagini che raffiguravano i trascorsi 150 di Mamma Rai. Mio caro Bruno è inutile che cerchi di pizzicare l’attenzione degli ascoltatori con le tue sfuriate. Non bastano plastici e tanti ospiti per fare di uno show un campione dell’auditel (vedi Annozero). A volte serve un po’ di vera informazione. Magari quella prima o poi scoprirai come si fa…

Fonte:

CRONACA/POLITICA ESTERA

Le omissioni di Malta
Da settimane le nostre forze marittime sono impegnate nel gestire un flusso migratorio straordinario che colpisce in minore intensità anche Grecia e Malta.
Anche cinque notti fa motovedette Italiane sono salpate alla volta di un barcone in avaria a 40 miglia nautiche (circa 74 km) da Lampedusa, ma questa operazione aveva una particolarità: il barcone si trovava in acque internazionali,  ma sotto responsabilità Maltese. Le autorità di La Valletta hanno ricevuto la richiesta di soccorso ma tale richiesta è stata "inoltrata" agli Italiani. I nostri mezzi sono arrivati dopo ore nell'area battuta da venti e mare mosso, dove alla fine hanno salvato 50 essere umani su 250 che erano a bordo.
Questo episodio si può riassumere con una definizione: Omissione di Soccorso ( reato contro la persona, e più specificatamente contro la vita e l'incolumità della persona).
Malta, un Paese che vanta la sua cultura Cristiana, ha sulla coscienza 200 persone morte annegate.
Va notato che non si tratta di caso isolato,  nel 2009 il Ministro dell'Interno Maroni consegnava all'Unione Europea un dossier con le specifiche di ben 3.670 casi di mancato intervento Maltese. In tutti questi casi era poi intervenuta l'Italia, spendendo tra le altre cose più di 3 milioni di euro.
Nel momento in cui si riceve una richiesta di soccorso, non ci si può nascondere dietro la dichiarazione :" L'Italia ha mezzi più idonei e veloci dei nostri "  . Sicuramente Malta ha grosse difficoltà nel gestire i barconi in arrivo dall'Africa, ma questo non giustifica comportamenti al limite del criminale. L'Italia da settimane combatte a livello istituzionale in Europa per ottenere aiuti ed una politica comune su questo problema, ma nel frattempo non ignoriamo o abbandoniamo clandestini in mare. La Valletta dovrebbe spalleggiare Roma in questa disputa con L'Europa, che invece di fare orecchie da mercante avrebbe il dovere di agire, cosi da poter sbugiardare chi come me è sempre più convinto che L'Unione Europea sia solo una definizione fine a se stessa. 

Fonte:


CRONACA ROSA E SPETTACOLO


Errare è umano, perseverare è diabolico…

Le veline ed i calciatori, una fortuna per i rotocalchi e per i rumors italiani.
Le prime, bellissime, svestite e spesso svampite ed i secondi pompati, ricchi e decisamente poco intellettuali.
No, decisamente non si può generalizzare ma il must veline-calciatori è sempre il medesimo e non possiamo sottrarci.
Tra gli innumerevoli esempi di questa tipologia mediatica, spicca Bobo Vieri, prima con Elisabetta Canalis passata ora a ben altri standard e poi Melissa Satta, fidanzati sino a poche ore fa.
Le due veline condividevano oltre la medesima attitudine per gli stacchetti di Striscia anche la bellezza mediterranea e l’origine sarda, insomma, Vieri sembra amar perseverare.
Cinque anni d’amore tra alti e bassi, come per tutte le coppie eppure è di queste ultime ore la notizia, avvenuta tramite comunicato stampa (mezzo a quanto pare molto in voga, per simili “comunicazione di servizio”) che la coppia sia naufragata.
Ancora sconosciute le ragioni della rottura, si mormora che la causa sia la lontananza della Satta che vive da diversi mesi a New York, inseguendo la carriera di top model, mentre invece Bobo si diletta nel poker ed in altri sport decisamente più sedentari del precedente.
Eppure, i ben informati sostengono che la causa della fine della coppia sia dovuta ad un’altra valletta mora, la già discutissima Sara Tommasi che sembra essere stata pizzicata in compagnia di Vieri o perlomeno, pare che l’ex bomber sia stato fotografato più volte sotto casa di lei.
Qualunque sia la ragione della rottura non ci resta che constatare che l’ex bomber abbia davvero un debole per le ex veline e le ex schedine e che, forse in mancanza di queste, si stia rifugiando nella passione per la buona tavola e per il gioco d’azzardo.

Fonte:

CALCIO E SPORT VARI

Vettel domina incontrastato

Seconda gara della stagione, seconda pole position e seconda vittoria per il tedesco campione del mondo in carica. Dopo aver conquistato la prima posizione nelle qualifiche, che anche nel corso della scorsa stagione hanno visto le RedBull imporsi con regolarità impressionante, Vettel è riuscito a difendersi alla prima curva e da li in poi nessuno è più riuscito a infastidirlo. Sul secondo gradino del podio è salito Button, capace di sfruttare al meglio la McLaren e di non rovinare eccessivamente le gomme come è invece capitato al suo compagno di squadra Hamilon, giunto ottavo. Terzo posto per la sorprendente Renault di Heidefeld. Deludente invece il risultato delle Ferrari (5° Massa, 6° Alonso) anche se dovuto non a inadeguatezza della vettura quanto ad errori e sfortuna. Massa infatti è stato rallentato da un problema nel cambio gomme che gli ha fatto perdere diversi secondi mentre lo spagnolo è stato costretto ad effettuare una sosta in più per sostituire l’ala anteriore danneggiata mentre attaccava Hamilton per la terza posizione.

Fonte:

Sempre più Milan

Manca sempre meno alla conclusione del campionato e il Milan resta il favorito per la vittoria finale. Grazie infatti al successo per 1-2 in casa della Fiorentina nel posticipo della 32’ giornata i rossoneri sono riusciti a mantenere 3 punti di vantaggio sul Napoli vittorioso a Bologna per 2-0 e sull’Inter che sabato con lo stesso risultato aveva superato a San Siro il Chievo. Unica macchia nella partita di Firenze è stata la seconda espulsione consecutiva di Ibrahimovic (per un insulto al guardalinee) che priverà la squadra rossonera del suo fuoriclasse nelle prossime 2 giornate. Completamente riaperta è invece la lotta per il quarto posto dopo l’inaspettata vittoria giallorossa a Udine per 1-2. Ora infatti questa posizione è occupata dalla Lazio, vittoriosa contro il Parma, con Udinese e Roma ad inseguire con rispettivamente 1 e 4 punti di distacco. Le due sconfitte consecutive della squadra friulana hanno inoltre riacceso anche le speranze della Juventus che è riuscita, battendo meritatamente 3-2 il Genoa, a portarsi a meno 6 dalla Lazio e quindi a rientrare in corsa per la Champions League. In coda fondamentale successo del Lecce a Marassi contro la Sampdoria, che permette ai salentini di portarsi fuori dalla zona calda e invece inguaia, in modo definitivo, i blucerchiati, che erano partiti con ben altri obiettivi in questa stagione.

Fonte:

VIDEOGAMES E TECNOLOGIE

"I 100 migliori giochi di tutti i tempi": maneggiare con cura
Il sito Gamesradar ha avuto l'ardire di pubblicare una lista dei 100 migliori videogiochi di tutti i tempi.
Avverto l'utenza che la lettura della suddetta lista potrebbe causare nei soggetti più sensibili effetti che vanno dal leggero malumore alla manifestazione di una sopita Sindrome di Tourette: nessuno dei vostri giochi preferiti si trova nel posto dove vorreste che fosse.
Inoltre un rapido collegamento tra il gioco in prima posizione e l'attuale sponsor di Gamesradar fa scaturire un inevitabile e ironico commento: LOL.

Fonte:

Persino i creatori di Bioshock non hanno fantasia infinita
Sul sito di Irrational Games è stata aperta una curiosa promozione:
è possibile inviare agli sviluppatori il proprio nome, il quale verrà preso in considerazione per essere immortalato in uno dei monumeti/quartieri della città volante di Columbia nel prossimo Bioshock Infinite.
Potrebbe essere l'unica cosa importante mai attribuita al vostro nome, affrettatevi! C'è tempo fino al 13 Aprile.

Fonte:

WEB E STRANEZZE DAL MONDO

Rocco Siffredi in 3D? Mettete a letto i bambini… 
Shock nel meraviglioso mondo del porno asiatico: è nato il primo film hard interamente in 3D! Si intitola “Sex and Zen: Extreme Ecstasy” e promette di innescare una vera rivoluzione nel mondo a luci rosse; un film talmente spinto che il pubblico cinese migrera' in massa verso la permissiva Hong Kong per essere sicuro di vederne una versione senza tagli. La pellicola, che uscira' la prossima settimana nell'ex protettorato britannico e a Taiwan, e' una costosa e fantasiosa produzione in lingua cantonese da oltre 3 milioni di dollari ambientata nell'antica Cina, alla pervertita corte della dinastia Ming. Remake di un altro film made in China del 1991, e' basato su un classico della letteratura erotica cinese e segue le avventure di un giovane che viene introdotto da un nobile alle orge reali e ai raffinati piaceri del sesso. Lo sceneggiatore e produttore di sicuro talento Stephen Shiu ha detto alla stampa locale che il film mostra alcune scene di sesso molto vivide e che dara' al pubblico la sensazione di starsene seduto proprio li', al bordo del letto (per la gioia di chi ama essere un guardone).  Questo significa che difficilmente Sex and Zen potra' esser mostrato senza tagli in Cina e dunque giungono notizie che alcuni tour operator stanno gia' organizzando viaggi a Hong Kong e Taiwan per chi vuole vedere la versione integrale del capolavoro (non usereste alcuni giorni delle vostre preziose ferie per questo?). L'anno scorso, durante le riprese, il produttore Shiu aveva detto che in Cina c'e' tanto entusiasmo per questo genere di film proprio perche' sono proibiti e per questo gli era venuta l'idea di girarlo in 3D, immaginando che le vendite di biglietti sarebbero triplicate (triplicate quanto le dimensioni!). Sex and Zen, diretto da Christopher Sun, ha per protagonisti una star di Hong Kong e due giapponesi. Secondo alcuni potrebbe essere solo il primo di un'ondata di film softcore in 3D e potrebbe aiutare l'industria cinematografica nazionale ad uscire da un periodo in cui e' stata fortemente penalizzata dalla concorrenza del porno gratis su internet. Finora pero' i costi delle riprese in 3D erano sembrati proibitivi, anche se Tinto Brass (mente eccellente) ha detto in passato di voler rifare il suo Caligola in 3D e nonostante ci siano insistenti voci di una porno-parodia di Avatar, sempre in 3D, intitolata This Ain't Avatar XX. 

Fonte:

venerdì 8 aprile 2011

Bon Anniversaire...a tout le monde!

LA NOSTRA PRIMA IMMAGINE
Un ricordo bellissimo di un normale giorno di università. Non sapendo come passare il tempo fra una lezione ed un'altra mi chiesi:"Perchè non creare un blog?". Non sapevo se parlare di me, dei miei hobby o di ciò che mi circondava. Fu solo per un breve istante che tutto mi fu chiaro e per mia fortuna il Pc era già acceso. Scelsi Hosting e nome del Blog, decisi che avrei raccontato il mio punto di vista e non solo il mio. Qui tutti avrebbero vissuto 5 minuti di celebrità e comunicato con la rete. Oggi voi avete reso tutto questo possibile con le vostre numerose visite, con i contatti e le mail di apprezzamento. Grazie da tutto lo Staff per questo grandissimo sostegno che ci date. Non festeggieremo più così assiduamente, ormai il Blog è avviato. Ogni 10000 visite cercheremo di ricompensarvi con qualche evento speciale o nuova iniziativa. Oltre a questo io cambierò la mia conclusione ogni volta che supereremo questo traguardo. Quindi salutate il nostro caro:

We are in the jungle...

Ora che siamo cresciuti e la nostra rabbia è diventata consapevolezza, l'Hard Rock non basta più e ci serve una melodia che ci ispiri. Ovviamente per saperne di più dovrete finire di leggere il prossimo articolo. Come avrete notato questa settimana non ho preparato il post di mercoledì. La ragione è che stavo discutendo con la redazione di alcune idee per il nostro futuro. Attualmente abbiamo tutti concordato su questo progetto e spero potremo procedere speditamente nel realizzarlo. Ve lo illustro...

SANCTA SANTORUM JOURNAL
Perchè l'informazione supera ogni barriera...

Ogni giorno riscopriamo il mondo nei suoni e nelle immagini e purtroppo non sono sempre piacevoli. Eppure leggere il dolore negli occhi di chi viene colpito da queste tragedie è nostro dovere; qualcosa che ci permette di crescere. Può apparire come una cosa scontata ma non è così per tutte le persone che ogni giorno non possono scorgere i volti di chi li circonda. Le persone cieche hanno perso o mai posseduto questo legame importante che noi tutti abbiamo il privilegio di possedere. Eppure l'informazione e la tecnologia permettono all'uomo di superare ogni limite, compreso un handicap. Oggi per i non vedenti è possibile  dattilografare al computer e correggere i propri errori di battitura tramite tre sistemi:

  •  I Display braille è costituito nella sua parte fondamentale da una lastra metallica con tanti forellini, dai quali escono dei puntini che vanno a comporre le varie parole che compaiono sullo schermo. Esistono display braille con 20, 40 e 80 celle, il che significa che il non vedente è in grado di leggere solo un numero limitato di caratteri, dopodiché dovrà utilizzare dei tasti per muoversi avanti e indietro nello schermo.
  • Gli Ocr sono dei programmi che in combinazione con il display braille sono in grado di riprodurre anche le immagini presenti sulle pagine web e non.
  • I Sintetizzatori vocali invece sono dei software che traducono in suoni quanto battuto al Pc.

Come avrete potuto supporre queste innovazioni sono utili ma anche costose e limitate. Per questo abbiamo concepito la possibilità di un Sancta Santorum Journal, letto da un nostro collaboratore, e messo a disposizione delle persone non vedenti attraverso i loro canali d'informazione preferenziali. Un lavoro che ci permetterebbe di avere un contatto con una nuova fascia di lettori/ascoltatori, che siano i più pigri (eh sì sudiamo pure per loro... la speranza è l'ultima a morire) o i più sfortunati. Se volete partecipare a questa iniziativa sarete ben accetti, preferibilmente se possedete il dono di una bella voce. Non è un progetto da prendere sotto gamba quindi ragioneremo bene sui passi da effettuare poco a poco per realizzarla. Noi come sempre crediamo nel potere delle grandi idee... però anche in quelle più piccole ma che hanno cuore. Sono sicuro che ci affiancherete in questo prezioso e lodevole iter. Dunque non resta che concludere, anche se...

Show must go on...
FILM CONSIGLIATO: A prima vista